Sternbergia lutea e sicula, giallo in autunno

Tutti i diritti riservati 

Sternbergia lutea, fiore giallo dell’autunno greco

Ecco un fiore giallo, che riscalda il cuore. Lo scopro nel tepore dell’autunno, in Grecia, nelle Isole Cicladi. Sono attratta a distanza dal colore giallo intenso dei suoi fiori, così vivo, da caratterizzare una parte del suo nome.
Così, per vedere da vicino, questo piccolo fiore, che sembra un crocus giallo, mi arrampico tra i sassi di un territorio dove l’erba è ancora bruciata dal caldo del sole e mi rendo conto che il sole ora si è rifugiato dentro questo piccolo fiore. 

Sternbergia lutea

Descrizione e fioritura

La sternbergia lutea è una bulbosa dalla fioritura autunnale.Le sue foglie sono lineari e di colore verde. Esse si presentano piene, strette e lunghe e sono solcate centralmente da una linea mediana verde più chiara. 

Un’erbacea perenne, la sternbergia, che si nota a distanza per i suoi fiori vistosi, di color giallo intenso, che assomigliano a quelli del crocus. Per questo è chiamata volgarmente zafferanastro giallo, anche se non c’entra nulla con esso perché il crocus sativus ha tre stami e la sternbergia sei. La pianta appartiene alla famiglia delle amaryllidaceae, mentre lo zafferano a quella delle iridaceae.

Sternbergia lutea ssp sicula
Periodo di fioritura

Una pianta spontanea della flora greca, la cui fioritura avviene in autunno, a partire dal mese di ottobre e fino a fine novembre nelle piccole Cicladi.

In altri luoghi la fioritura può iniziare prima, dal mese di settembre, e può protrarsi fino a novembre, ad un’altitudine compresa tra 0 e 1200 m s.l.m..

Sternbergia lutea ssp sicula

Noto i fiori, a sei tepali gialli ovati, ellittici, ottusi (punte leggermente arrotondate) e sei stami, con antere di colore aranciato.
La pianta produce e un frutto obovoide nel quale si trovano i piccoli semi. Dal bulbo tunicato ed oblungo della pianta invece si sviluppano le radici.  La tunica del bulbo è marrone e si protrae spesso sugli steli verdi, alti circa 10 cm.. Il bulbo della pianta è tossico.

Sternbergia lutea 

Habitat

Il suo habitat sono i sentieri e gli incolti, i luoghi sassossi e le garighe mediterranee. In Italia è presente ovunque ad esclusione di Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige, mentre la sua presenza è dubbia in Piemonte. La pianta è specie protetta e non va raccolta. La sternbergia lutea ama questi habitat per crescere, mentre sternbergia v. sicula predilige le pietraie montagnose.

Sternbergia lutea

I nomi della pianta

La pianta si chiama Sternbergia lutea (lutea per il colore giallo dei suoi fiori) o sternbergia sicula o  zafferanone giallo, anche ci sono  differenze tra le specie. In Inghilterra è chiamata narciso invernale (winter daffodil) perché il bulbo assomiglia a quello del narciso.

Sternbergia lutea

Sternbergia lutea subsp. sicula a confronto

La sternbergia lutea subsp. sicula  è  una spontanea bulbosa, ampiamente diffusa in Grecia nord orientale, nel Peloponneso, a Creta, nelle isole ioniche, egee orientali e settentrionali e nelle Cicladi. Essa predilige i pendii e gli spazi stretti tra le grandi rocce, quindi i terreni più asciutti e drenati. La pianta è una versione più piccola della sternbergia lutea. I tepali dei fiori più stretti possono essere, all’apice, più o meno appuntiti.  Le foglie verdi più scure sono più strette della sternbergia lutea e sono scanalate da una linea mediana grigio verde.

Sternbergia lutea ssp lutea

Il nome della pianta

L’orgine del nome della pianta di Sternbergia lutea  deriva dal botanico Kaspar Graf Sternberg.

Sternbergia lutea var. Sicula

Bibliografia

Flora del Mediterraneo, Ricca editore, 2014 di Schonfelder
Fiori spontanei del Mediterraneo, Fabbri Editori, 1995 di David Burnie

Sternbergia lutea ssp sicula isola di Heraklia

Tutti i diritti sono riservati

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo indicativo, con indicazione della bibliografia e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *