Bocca di leone, fiori da farcire

(Tutti i diritti riservati) 

Bocca di leone, fiori da farcire per colorati aperitivi

Nel mio giardino, fin dall’infanzia, crescevano le bocche di leone. Mia mamma le seminava tutti gli anni ed io mi divertivo ad aprirle per guardare dentro le loro bocche fiorite. Il fiore della bocca di leone (antirrhinum majus) è chiamato così perché, se si schiacciano i fiori con le dita, compaiono due labbra sovrapposte che si aprono, imitando il movimento della bocca di un leone. Un fiore edibile e decorativo, ricco di vitamine A, B, C, minerali, proteine ed amminoacidi si può farcire, per colorati aperitivi floreali.

bocche di leone

Descrizione

Il nome botanico della bocca di leone è Antirrhium majus, con origine mediterranea (francese e spagnola) ed appartenente alla famiglia delle scrophulariaceae.

Le bocche di leone sono piante erbacee cespugliose con base legnosa che possono raggiungere anche gli 80 cm. di altezza. Il fiore assomiglia ad una bocca con due labbra che si chiudono l’una sull’altra. I fiori sono disposti sugli steli quadrangolari, come se fossero su grappoli e fioriscono in maggio e giugno.  Non è impossibile però vederli fioriti in giardino anche in ottobre.

bocche di leone nell’orto

 Le foglie sono verdi scure si sviluppano alla base e sugli steli eretti della pianta. I fiori sono colorati e possono essere bianchi, gialli, fucsia, rossi, rosa. I fiori sono fecondati dagli insetti impollinatori quali api e bombi. I semi crestati, disposti in baccelli sono l’ideale da seminare in giardino o in vaso. Le bocche di leone sono piante perenni anche se spesso sono considerate annuali per il fatto che in climi freddi molte volte non riescono a sopravvivere.
Le bocche di leone sono piante mellifere ed il miele pare essere molto gradevole.

bocca di leone

Etimologia

I greci chiamarono questo fiore “antirrhinon“, ossia fiore simile ad un naso, ma venne anche chiamato “testa di cane”, secondo Apulejo, come dimostrano ancora gli attuali nome francese ed inglese, rispettivamente: guéule de loup e snapdragon flower.

bocca di leone

Coltivazione

Le bocche di leone si possono seminare già a febbraio e marzo in vasetti al caldo.
Andranno poi trapiantate in primavera da aprile e maggio, quando si procederà a fare la semina all’aperto, in piena terra.
Avendo un’origine mediterranea queste piante amano il sole e la luce, ma vivono bene in qualsiasi tipo di terreno. Sono piante rustiche e rifiorenti, ideali per vasi e giardini colorati.

bocca di leone

Usi erboristici

Ad uso erboristico si possono far seccare le foglie della pianta ed i fiori da impiegare in tisane lenitive, antinfiammatorie e diuretiche. Ad uso interno è utile per i disturbi di stomaco.
Sembra anche che la stessa pianta possa essere utile come antistaminico ed antiallergico, per la sua ricchezza in iridoidi glucosilati,  mucillaggini e glicosidi che la rendono lenitiva ed emolliente.

bocca di leone

In cucina

Un fiore edibile profumato ed allegro e coreografico. La bocca di leone si può abbinare allo yogurt, ai gelati , ai sorbetti, ai formaggi e sarà vistosa nelle insalate. Servite queste bocche floreali durante i vostri aperitivi, riempiendo i fiori di philadelpia al tartufo o patè di carciofi o maionesi vegetali.
Il sapore ricorda un mix tra cicoria e cetriolo.

Un libro di ricette con i fiori, erbe selvatiche ed aromatiche

Se vi piace la cucina con i fiori e le erbe selvatiche acquistate il mio libro ed ebook intitolato: MangiAmo i fiori e sperimentate le mie ricette. Troverete anche le schede delle piante, le ricerche scientifiche sui poteri antiossidanti delle erbe selvatiche e dei fiori e tante altre curiosità. (Le ricette si possono eseguire anche senza fiori ed erbe utilizzando le verdure dell’orto, per cui potete scrivermi per le sostituzioni).
Potete acquistare il libro sul sito www.youcanprint.it o su altri store on line come amazon, lafeltrinelli e mondadori etc..

Bibliografia

  • Erbe consentite e proibite, Ida Salusso,, Verde Libri edizioni, 2014
  • Fiori di Liguria, G. Nicolini A.Moreschi, 1970
  • Andar per erbe, in Piemonte  e Valle d’Aosta, editrice il punto, 2014
bocca di leone
Tutti i diritti sono riservati
(per l’uso delle immagini è necessario chiedere il consenso all’autore del sito)

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo informativo, con indicazione della bibliografia. Declino pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo curativo, alimentare, estetico. Naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

bocche di leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *