Biancospino fiori e bacche a tutto relax

(Tutti i diritti riservati)

Biancospino fiori rilassanti in cucina

Lo sento da lontano, nell’aria, il  profumo inebriante del biancospino selvatico (crataegus oxyacantha), così mi ritrovo a far parte al banchetto con tutti gli insetti che gli fanno la corte. Siamo in Aprile proprio nel momento in cui i fiori iniziano a sbocciare. Per questo li raccolgo e li uso anche nei miei piatti in cucina e nelle mie tisane tutto relax.

biancospino

Descrizione ed habitat

Il biancospino selvatico (C. Oxyacantha) appartiene alla famiglia delle rosaceae, la stessa famiglia di mele, pere, pesche e prugnoli, ma anche rose e fragole.
E’ un piccolo alberello generalmente non troppo sviluppato che cresce lentamente ai margini dei boschi in ambienti freschi ed umidi.
Fiorisce ad aprile – maggio. I fiori bianchi o bianco rosato sono profumatissimi ed attirano molti insetti al suo cospetto.  Il biancospino selvatico (C. Oxyacantha) fiorisce due settimane prima del biancospino comune (C. monogyna).
In autunno (verso fine settembre) maturano le rosse bacche farinose sui suoi rami protetti da spine.

bacche di biancospino

Le drupe sono commestibili, ma possedendo pochissima polpa e si prestano al consumo se preparate in confetture e marmellate, acidule ed astringenti ricche di vitamina A e C.
Il durissimo legno di biancospino, lavorato al tornio, produce manufatti che restano molto lucidi nel tempo.
Le foglie semplici sono divise in tre , cinque lobi dal contorno quasi ovale.

bacche di biancospino

Etimologia e nomi della pianta

Il nome Crataegus deriva dal greco “Krataios” ossia duro per via del suo legno, mentre la parola Oxys signifca punta ed Akantha fa allusione alla parola spina.
Il nome Biancospino si riferisce ai fiori bianchi ed alle spine presenti sulla pianta.
In inglese la pianta si chiama Mayblossom, in riferimento ai rituali che nel mese di maggio venivano praticati in Inghilterra con questa pianta nel Medioevo.
Considerato pianta propiziatoria per i greci il biancospino era utilizzato per adornare gli altari  nei matrimoni.
Anche i romani lo associavano al maggio e lo avevano consacrato a Maia, una dea della castità. Per questo per sposarsi in questo mese era usanza propiziatoria bruciare in suo onore cinque rami di biancospino.
Crataegus oxyacantha fiorisce a maggio, mese a lui dedicato anche dai celti.

biancospino, fiori

Proprietà e componenti

Il biancospino regolarizza la circolazione sanguigna e la pressione arteriosa svolgendo nel contempo un’azione protettrice sui vasi e sul cuore (protegge cure ed arterie). E detto anche “valeriana del cuore”. Una pianta alleata per chi soffre di insonnia (grazie ai tannini ed ai flavonoidi). I suoi fiori in infuso son utili per chi soffre di ipertensione, ma non bisogna abusarne considerando solo un cucchiaino di fiori per tazza da bere prima di andare a letto per non più di due settimane. Il biancospino quindi è utile in caso di tachicardia e irritabilità e nervosismo.

Non va usato durante la gravidanza e l’allattamento e non va dato ai bambini ed a persone bradicardiche.

fiori di biancospino selvatico

Componenti

Il biancospino nei fiori e nelle foglie è ricco di flavonoidi che sono antiossidanti che servono a proteggerci dai radicali liberi (antiossidante) a prevenzione di infiammazioni e malattie cardiovascolari. Poi contiene polifenoli come proantocianidoli  con azione sedativa, antidiarroica e cardio protettiva.
I fiori freschi del biancospino si usano  in caso di stress ed insonnia e nell’angoscia da menopausa, oltre a palpitazioni, insufficienza coronarica ed angina pectoris.
Il biancospino contiene quercitina. Nei frutti vi sono acidi organici, zuccheri, tannini e cere.
Il biancospino poi è diuretico ed antidiarroico.
Per la pelle serve per trattare pruriti, perdita dei capelli a causa di stress.
Molti sono gli studi clinici che confermano l’azione farmacologica del biancospino e sempre nuovi studi sono in atto. L’estratto secco titolato in flavonoidi é attualmente un rimedio utilizzato in medicina cardiovascolare per il trattamento preventivo alle ischemie e per le conseguenze post ischemiche.
Prima di utilizzare prodotti a base di biancospino consultare medico ed erborista.

biancospino selvatico, inizio della fioritura

In cucina

Le bacche del biancospino si raccolgono in autunno (verso fine settembre) quando sono di un bel rosso scuro e si usano per fare liquori e marmellate astringenti.
I fiori, ad uso tisana, si raccolgono all’inizio della fioritura. In cucina si aggiungono alle insalate ai dolci e sui formaggi. Con il biancospino ho realizzato questi aspic di cui troverete ricetta nel mio libro intitolato MangiAmo i fiori.

aspic al biancospino dal libro MangiAmo i Fiori

Biodiversità

Piantare un biancospino significa, se vogliamo, tutelare la biodiversità perchè la pianta è di grande importanza per gli animali. Le foglie infatti nutrono i bruchi delle farfalle, i fiori, con il loro nettare, deliziano api, insetti e farfalle. I frutti nutrono gli uccellini in momenti di scarsità di cibo, mentre la pianta offre loro protezione ed occasione di nidificazione.

bacche di biancospino

Bibliografia:
Curarsi con le piante medicinali, Eugenio Zanotti, Edagricole, 1997
Cespugli e arbusti selvatici, Reinhard Witt, Franco Muzzio editore, 2012

Tutti i diritti sono riservati

(per l’uso delle immagini è necessario chiedere il consenso all’autore del sito)

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo indicativo, con indicazione della bibliografia. Esse non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta alimentare e medica. Naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *