Sperimentazione di “chicken perch double” di Omlet sulle galline della vicina di casa

La sperimentazione di chicken perch double di Omlet

Oggi in gruppetto di cascine, facenti parte del Comune di Pavarolo (Torino), con la collaborazione di alcuni dei miei vicini di casa, ho deciso di testare e sperimentare il nuovissimo “chicken perch double” di Omlet.
Vi racconto questo perché penso sia bello esternare la passione per gli animali, in un senso di armonia che fa avvicinare ancor di più le persone tra di loro sia nella conoscenza, sia nella comunicazione e sia nella condivisione di un momento conviviale.

La sperimentazione crea momenti di allegria ed amicizia tra vicini…

Premetto che questa nuova idea mi venne in seguito al successo della sperimentazione dei peck toy Elvis e Rocky di Omlet sulle galline della mia vicina di casa, la signora Angiolina che ne era rimasta entusiasta, per cui le proposi di compartire questa nuova esperienza. Così quella mattina mi presentai a casa sua con il pacco contenente la doppia barra chicken perch di Omlet, ma desideravo di più, volevo condividere questa gioia anche con la coppia dei suoi vicini di casa Silvia e Mattia, volevo coinvolgerli anche per conoscerli meglio e così fu.

La sperimentazione inizia…

Mattia si fece in quattro per aiutarmi, anche perché sapeva che non disponevo di un cacciavite a croce, per montare la doppia barra chicken perch di Omlet sulla rete del pollaio delle galline di Angiolina.
E devo dire che in men che non si dica, riuscimmo a fissare la doppia barra alla rete del pollaio.
Per questo constatammo fin da subito l’ottima fattura, la resistenza e la funzionalità.
Tutto ciò mi rallegrò perché pensai che anche le galline avrebbero gioito al pensiero di appollaiarsi sia durante il giorno e sia durante la notte.
Ma attendete perché ora vi andrò a raccontare per filo e per segno che cosa combinammo quella mattina.

Studio location, istruzioni e posizionamento e montaggio barra

Prima di tutto studiammo la location per posizionare la barra.
Poi decidemmo di mantenerla in tutta la sua lunghezza perché il pollaio era abitato da tante galline e noi dovevamo dare a tutte la possibilità di usufruirne.
Devo dire che nella scatola di imballaggio trovammo subito le istruzioni  che si dimostrarono  essere di estrema facilità di comprensione, grazie alle dettagliate spiegazioni scritte sulle modalità di montaggio della doppia barra, ma tutto era così chiaro che ci fu sufficiente dare una rapida occhiata ai disegni esplicativi per montare la barra in dieci minuti.

Sulla barra double chicken perck di Omlet

La double chicken perck di Omlet si può montare in mille modi a seconda delle caratteristiche del pollaio, su pareti rigide, tipo in legno o muratura, o anche fantasticamente sulla rete di recinzione del pollaio. Può essere collocata su pareti contrapposte o sorprendentemente su pareti ad angolo, grazie al supporto di fissazione articolato.
La lunghezza della barra, di legno, è facilmente raddoppiabile grazie ad una giunzione a cilindro metallico cavo; tramite una semplice sega da legno si può anche ridurne a piacere la lunghezza.

Materiali barra e gradimento delle pennute

La doppia barra di Omlet è realizzata in legno di eucalipto, resistente ed idrorepellente che consente alle nostre pennute di appollaiarsi comodamente, sia di giorno sia di notte, grazie al diametro della barra stessa che è studiato per essere adattabile a qualsiasi “zamba di gallina”, quindi proprio per tutte le razze!
E che voi ci crediate o meno, dopo aver assemblato la double chicken perck di Omlet, alcune galline, incuriosite già in fase di montaggio, decisero di provarla immediatamente e si lasciarono fotografare per dare a noi la prova del loro alto gradimento.

CON ANGIOLINA

Ringraziamenti

Ringrazio i miei vicini, per la loro amicizia e collaborazione, felice di vivere con loro in una realtà agreste, fatta di fiori parlanti che ci unisce nella passione per gli animali e per la natura.
Ringrazio nuovamente Omlet che mi fa scoprire sempre qualcosa di nuovo ed utile per nostre galline!
Patrizia o Natura in mente Calliopea.

Patrizia Gaidano@ Copyright

2 Replies to “Sperimentazione di “chicken perch double” di Omlet sulle galline della vicina di casa”

  1. Massi

    Figo 😊😊😊😊

    1. Patrizia Gaidano

      grazie Massi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *