Rucola selvatica, diplotaxis tenuifolia, dai fiori gialli

(Tutti i diritti riservati)

Rucola selvatica, diplotaxis tenuifolia

Esistono moltissime specie di rucole coltivate e selvatiche, le più comuni però sono l’eruca sativa (la comune rucola coltivata, con fiori bianchi) e la diplotaxis tenuifolia (la rucola selvatica dai fiori gialli).

Tutte le rucole si riconoscono per il profumo aromatico inconfondibile delle foglie che potrebbero ricordare, come gusto, una via di mezzo tra una verdura ed una spezia.

In Puglia ad ottobre moltissimi incolti nei pressi degli oliveti diventano distese gialle di fiori di rucola selvatica per la gioia delle api a cui sono rimasti ben pochi fiori, per via dei trattamenti chimici agli ulivi.

rucola in fiore in Puglia

Rucola selvatica, diplotaxis tenuifolia

La rucola selvatica è una erbacea perenne della famiglia delle brassicacee, crucifere.
Le foglie verdi scuro sono incise e presentano margini ondulati con lobi più o meno profondi ed il loro aspetto è leggermente carnoso, mentre il gusto è piccantino. I fiori, profumati, sono di color giallo intenso ed hanno quattro petali disposti a croce. Essi sono riuniti in racemo terminale. La fioritura avviene da maggio ad ottobre – novembre.
Un’altra rucola commestibile a fiore giallo è la diplotaxis muralis con foglie ancora più piccole e gusto ancora più intenso e piccantino della spontanea tenuifolia.

fiori di rucola selvatica

Habitat e diffusione

La rucola selvatica è una erbacea che vive spontaneamente negli incolti e nei luoghi ruderali dal piano ai 1000 metri, prediligendo i terreni calcarei e sassosi. La pianta è presente in tutta Italia.

fioritura della rucola selvatica

Raccolta

Le foglie di rucola si raccolgono solitamente prima della comparsa dei fiori in quanto saranno ancora più amare e piccanti. Le foglie oltre ad essere consumate crude si possono bollire e mangiare come verdura cotta, quindi saranno più dolci al palato.

rucola selvatica e coltivata a confronto

Rucola in cucina

Le foglie si usano crude nelle misticanze, nelle frittate, nelle verdure, nei sughi, nel pesto, nei piatti di carne, formaggi, risotti, pasta etc… Anche i fiori sono commestibili, profumati e decorativi. Il loro gusto è simile alle foglie, ma con note mielose. I semi della rucola possono essere raccolti ed usati come spezia, oppure si possono mettere a germogliare per gustarli in questo modo.
Un infuso originale è quello di infondere alcune foglie fresche di rucola con alcune di menta in una tazza di acqua calda.

fiori di rucola selvatica

Proprietà

La rucola selvatica come quella coltivata ha proprietà afrodisiache, espettoranti, antibatteriche, vitaminizzanti e diuretiche, digestive. Le foglie delle rucole contengono vitamine A, C, E, B9 (acido folico) e calcio, potassio, ferro.

Un libro di ricette con fiori, erbe selvatiche ed aromatiche

Se vi piace la cucina con i fiori e le erbe selvatiche acquistate il mio libro ed ebook intitolato: MangiAmo i fiori e sperimentate le mie ricette. Troverete anche le schede delle piante, le ricerche scientifiche sui poteri antiossidanti delle erbe selvatiche e dei fiori e tante altre curiosità. (Le ricette si possono eseguire anche senza fiori ed erbe utilizzando le verdure dell’orto, per cui potete scrivermi per le sostituzioni).
Potete acquistare il libro sul sito www.youcanprint.it o su altri store on line come amazon, lafeltrinelli e mondadori etc..

Bibliografia
Erbe spontanee commestibili, Riccardo Luciano, Carlo Gatti, arabAFenice edizioni, 2008
Enciclopedia delle erbe, riconoscimento e uso medicinale, alimentare, aromatico, cosmetico, Edizioni del Baldo, 2012

Tutti i diritti sono riservati
(per l’uso delle immagini è necessario chiedere il consenso all’autore del sito)

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo informativo, con indicazione della bibliografia. Declino pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo curativo, erboristico, alimentare, estetico. Naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *