Romulea bulbocodium, simile ad un crocus

Tutti i diritti riservati 

Romulea bulbocodium, trio di colore in un piccolo fiore

Un trio vistoso di colore, di petali appuntiti, quasi stellati, mi rivela un piccolo fiore, simile ad un crocus: la romulea bulbocodium. Lei, mi appare a metà gennaio, per dare colore all’inverno, della piccola isola greca che mi accoglie tra i suoi minuscoli fiori. Da sempre i fiori più piccoli fiori mi fanno pensare alla parabola del granello di senape. Dio infatti ama racchiudere il grande nel piccolo, l’albero nel seme, l’eternità nell’attimo.

Romulea bulbocodium

Descrizione

Romulea bulbocodium è una perenne che appartiene alla famiglia delle Iridaceae, alta fino a 10cm..
Essa si sviluppa da un bulbo-tubero e potrebbe essere scambiata per un crocus se non si conoscessero le differenze, infatti i fiori appaiono su brevi steli, a difformità dei crocus.

Romulea bulbocodium isola di Heraklia

Il colore dei fiori

La pianta presenta strette e lunghe foglie scanalate (da tre a cinque).
Il fiore, stellato, invece ha sei tepali uguali, con striature (da una a cinque).
Il colore dei fiori è spesso tricolore, con gola gialla, poi bianco e viola.

Romulea bulbocodium

Il fiore però può essere anche tutto viola o bianco e giallo.

Il fiore è caratterizzato da una spata papiracea bipartita.
Il periodo di fioritura va da febbraio ad aprile.

Romulea bulbocodium

Distribuzione ed Habitat

La romulea è originaria della regione mediterranea e del Sudan ed è presente in tutte le regioni dell’Italia centrale (dalla Liguria in giù) meridionale, isole comprese. Essa si trova a Creta , White Mountains ed Olympus. Le mie fotografie riguardano alcuni esmplari presenti nell’isola di Heraklia, nelle piccole Cicladi.
La pianta cresce nei prati aridi, nei pascoli e lungo i sentieri sassosi.

Romulea bulbocodium

Etimologia ed altri nomi

Il nome di Romulea deriva da Romolo, il fondatore di Roma a cui è decicato il genere, mentre bulbocodium fa riferimento alle squame di copertura del bulbo, simili alla cartapecora. La romulea bulbocodium viene anche chiamata zafferanetto comune.

Romulea bulbocodium

Bibliografia

Fiori spontanei del Mediterraneo David Burnie, Fabbri editori, 1995
Wild flowers of Greece, Mediterraneo Editions, 2006
Flora del Mediterraneo Schonfelder Ricca Editore, 2014

Romulea bulbocodium
Tutti i diritti sono riservati

Indicazioni, proprietà erboristiche ed usi alimentari delle piante e dei fiori sono riportate a titolo informativo e con indicazione della bibliografia.

Naturainmentecalliopea.it declina ogni responsabilità sul loro uso a scopo curativo, erboristico, alimentare ed estetico.

Romulea bulbocodium

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *