Salicone o salix caprea, il paradiso delle api

Tutti i diritti riservati

Il salicone è il paradiso delle api

Il salicone o salix caprea è un’arbusto decorativo, molto amato dalle api, per questo, osservandolo un pomeriggio, mi ha ispirato la storia fantasiosa del Paradiso delle api, che scrivo qui. Poi passerò alla descrizione della pianta.

salix c. ed api

La storia del Paradiso delle api

Stiamo aspettando con impazienza l’inizio della primavera e le mie sorelle mi hanno detto che, in questo momento, è più impegnativo fare il nostro lavoro perché le fonti di approvvigionamento delle materie prime sono ancora piuttosto scarse. Premetto che questo discorso mi ha leggermente preoccupata, essendo alle prime esperienze lavorative. Questo lo dico perché sono molto operosa e ci tengo a fare bene il mio lavoro, collaborando con tutti i membri della famiglia, nella quale, ognuno riveste un ruolo ben preciso.
Faccio presente che per questo lavoro,  sono stata scelta da una selezionatrice che ha dovuto compiere un’attenta valutazione delle mie caratteristiche fisiche e caratteriali.

salix caprea ed api

Una esploratrice in cerca di fiori

La capo famiglia, che io chiamo Regina,  ha capito subito che tipo sono. Così, constatando che amo la vita e che mi piace esplorare il mondo, ha suggerito alla selezionatrice il mio ruolo: una esploratrice in cerca di fiori.
Per questo, nella natura, mi sento come un’ape, profondamente innamorata dei fiori.
E non sapete quanti libri mi son dovuta comprare, per documentarmi sui fiori. Non basta una vita per conoscerli tutti!

salix caprea ed apri

Il mondo dei fiori

Mi piace così tanto esplorare questo mondo a colori, sono così curiosa di imparare ogni giorno qualcosa dalla natura.
E se posso uscire all’aria aperta nessuno mi ferma! Ho imparato che ai fiori si può parlare, confidando ogni cosa, perfino i segreti del cuore, perché nessuno, più dei fiori, è maestro in riservatezza, grazia, generosità e discrezione.

paradiso, api e salix c

I fiori più saggi sono quelli selvatici

Devo dire, se posso esprimere un’opinione, senza farli arrabbiare,  che i fiori più esperti e saggi sono quelli selvatici, quelli spontanei dei campi!
Penso che i fiori ti insegnino ad assaporare la vita apprezzando la semplicità e la bellezza delle piccole cose.
Insieme a fiori e piante mi entusiasmo ogni giorno e prima di salutarli mi immergo nella scia delle loro fragranze, respirando la loro essenza. Poi, loro, estremamente generosi, mi regalano quella polvere gialla  di cui cospargo il mio corpo, per trasportarla e condividerla con tutto l’alveare.

salicone ed ape

I fiori sono generosi

Credo che i fiori siano così generosi perché sono l’emblema della vita, di cui desiderano, ogni giorno, farmi partecipe, con il loro messaggio d’amore. Per questo li ringrazio sentendomi con loro in Paradiso, già qui su questa Terra!
Tutti i fiori raccontano una storia d’amore, ecco quella del Salicone o salix caprea, amato dalle api.

I fiori del salicone o salix caprea

Sono alquanto buffi e bizzarri  questi fiori e l’arbusto che li produce si chiama: “Salicone” o “salice delle capre” o “salix caprea“.

salix caprea ed api

Descrizione dei fiori del salix

I fiori dell’arbusto,  appartenente alla famiglia delle salicaceae, compaiono prima della foglie, nel periodo che va da marzo ad aprile, con infiorescenze maschili di forma ovale-cilindrica, con antere di un bel giallo vivo, carichi di polline, e fiori femminili sempre della stessa forma, ma più lunghi e di colore verde.

Questi fiori invitano a toccare la loro morbidezza e mentre ci si avvicina a loro si percepisce quel leggero profumo di miele, che richiama il lavoro operoso delle api (la pianta è una specie mellifera).

salicone

I fiori morbidi del salix

I fiori maschili del salix caprea vengono anche chiamati “gattini” (in questo caso per il colore della peluria grigia simile alla morbidezza ed al colore del pelo della coda del gatto certosino) o “amenti”.
Come tutte le specie di salici, il salix caprea porta fiori maschili e femminili su piante separate per cui è una specie dioica.

Salix caprea ed il suo ambiente

Il salix caprea ama un ambiente senza pretese, dal piano alla montagna, anche se preferisce i terreni calcarei, un po’ umidi e soleggiati, infatti lo si trova in presenza di fossi (dove c’è acqua) e lungo i margini delle strade, oppure nelle zone pre-boschive e nei boschi misti e radi ed è diffuso dall’ Europa (manca nelle zone costiere mediterranee) all’Asia settentrionale. In Italia è diffuso maggiormente nell’area alpina e negli appennini, mentre sembrerebbe mancare in Sardegna.

salix c ed ape

Pianta pioniera

Il salix caprea è una pianta pioniera e vive  fino a 25 anni ed il suo nome “salix” deriva forse dal celtico “sal lis” che significa “presso l’acqua”, per questo lo si trova in presenza d’acqua, mentre la parola “caprea” indica che la pianta è molto apprezzata dalle capre, che se ne cibano di gusto.

salix c ed ape

Descrizione della pianta  salix caprea

Il Salicone si presenta come arbusto o alberello cespuglioso, con rami robusti e rossicci dalla parte soleggiata; una pianta densamente fogliosa e con chioma spesso a forma di vaso, le cui foglie sono semplici, per lo più ovali ed arrotondate alla base e con la pagina superiore, di colore verde scuro, con nervature rilevate, mentre la parte inferiore della foglia è glauca. In autunno le foglie virano, assumendo un colore tra il giallo ed il bruno, come del resto è anche il colore del legno dell’alberello la cui corteccia ha un profumo leggermente aromatico.

salix caprea

Usi e proprietà

Il salix caprea o salicone (nome inglese: pussy willow) essendo un parente del salice piangente (salix babylonica) ha gli stessi usi e proprietà dello stesso. Nel “salix babylonia” la corteccia della radice  tratta la leucemie e ripristina la funzione del midollo osseo dopo la chemioterapia.

Corteccia e frutti

 La corteccia del salix caprea contiene tannini, glucosidi, populina e salicina (da cui si ricava l’acido salicilico), per questo è utile come febbrifugo, antidolorifico, diuretico e diaforetico.
 I frutti del salicone sono capsule (non commestibili) che contengono semi di un millimetro, provvisti di pappo piumoso, bianco, che si disperdono con il vento e che si sviluppano tra giugno e luglio.

 salix c

Altri salix

Con i giovani rami del salix si possono intrecciare deliziosi cestini, vimini e legacci da usare in agricoltura.
Molto simile al salix caprea è il salix cinerea, che vegeta in suoli pianeggianti, molto umidi e talora paludosi, spesso in presenza di stagni ed acquitrini e poi il salix appendiculata con fioritura pressochè contemporanea alla fogliazione e con diffusione in prevalenza al nord Italia.

Bibliografia:

  • Cespugli ed arbusti selvatici, Reinhard Witt, Franco Muzzio Editore, 2012
  • Herbs, Lesley Bremness,  a Dorling Kindersley book, 1994
  • Guida ai fiori d’Europa, Oleg Polunin, Zanichelli, 1974

Tutti i diritti sono riservati

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo indicativo, con indicazione della bibliografia e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito.
La verifica individuale, indipendente è sempre raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *