L’aglio delle vigne, cresce d’inverno ed è ottimo in cucina

Tutti i diritti riservati

L’aglio delle vigne, spunta d’inverno ed è ottimo in cucina

Scopro in questi mesi freddi un aglio selvatico invernale che cresce abbondante in cespugli lungo i vigneti, le scarpate e nei prati normalmente aridi.
Si tratta dell’aglio delle vigne o vineale detto pippolino. 
Lo riconosco perché gustando i suoi steli, che possono ricordare l’erba cipollina al palato, sento un gusto tra l’aglio e la cipolla.

Sono felice perché già a gennaio la natura mi depura mettendo a disposizione sempre la pianta giusta al momento giusto. Proprio in questo mese infatti il sapore dell’aglio vineale è ancora più dolce e delicato rispetto ai mesi che verranno e mi consentirà di realizzare ottimi piatti. Insomma, una vera delizia in cucina!

aglio delle vigne

Descrizione

Questa pianta spontanea appartiene alla famiglia delle liliaceae.

Le foglie dell’aglio delle vigne sono filiformi e ricordano l’erba cipollina. Da lontano sembrano ciuffi d’erba ma il colore è più opaco e tendente al verde bluastro. Nella parte centrale del filo sono cavi.
Il bulbo biancastro radica sottoterra fino a 10 cm. tramite corte radici.

Da maggio a luglio la pianta sviluppa un’infiorescenza con pochi fiori rosa o bianco verdastri e numerosi bulbilli che germinano subito. Ogni bulbillo può generare una nuova pianta. Le teste floreali di questo aglio sono inizialmente protette da singole spate verdi (sembrano cappuccetti) che diventano bianco cartacee quando si aprono.
Nei fiori di questo aglio gli stami sono più lunghi degli stessi.

aglio vineale

Nome inglese ed etimologia

Il nome in inglese della pianta è wild onion o crow garlic.
Il nome di garlic crows fa riferimento a due parole anglo sassoni ossia garlic che allude a piante con foglia dalla forma a lancia, mentre la parola crow fa capire che questo aglio selvatico, paragonato con quello comune più pregiato, cresce spontaneamente quasi solo per i corvi.
La pianta dell’aglio vineale sembra resistere ai più comuni erbicidi.

pippolino

Raccolta, habitat

Solitamente tutte le piante del genere allium che hanno profumo di aglio e cipolla sono commestibili.
 L’aglio delle vigne si trova spontaneo negli incolti, nei prati, vicino agli alberi da frutto e lungo le vigne. Lo si vede subito perché cresce in colonie ed a ciuffi.

Le foglie filiformi dell’aglio delle vigne possono sostituire l’erba cipollina mentre i bulbi, anch’essi commestibili, hanno un gradevole gusto di aglio. Le piccole teste bulbose di questo aglio sono un po’ difficili da estrarre per cui meglio sperare di raccoglierli dopo la pioggia. Raccogliamo gli steli dell’aglio vineale da gennaio quando sono più dolci e delicati.

aglio vineale

In cucina

Usiamo l’aglio delle vigne in cucina perché è fantastico nelle bruschette, nelle omelette, nelle e frittate, nelle zuppe, nei soffritti e nei sughi. Se non siete vegetariani è ottimo anche nelle carni e nei pesci.

aglio delle vigne

La ricetta della tortilla di patate con aglio delle vigne

Ingredienti: n. 4 uova bio, n. 3 patate medie, sale, olio evo. e n. 10 o 15 steli di aglio delle vigne e se siete riusciti a sradicare anche tre bulbi è il massimo.

Procedimento: Lessate le patate al vapore sul cestello e tenetele da parte. Intanto sbattete 4 uova con un po’ di sale e gli steli ed i bulbi tagliuzzati dell’aglio delle vigne. Aggiungete le patate tagliate a fette spesse e girate. Fate scaldare dell’olio evo in una padella antiaderente e versate il composto della tortilla facendolo cuocere da entrambe i lati fino a cottura.

tortilla di patate ed aglio delle vigne
la tortilla di aglio vineale

Proprietà

Questo aglio delle vigne conserva tutte le proprietà del normale aglio ed è vermifugo, disinfettante, antisettico, diuretico ed ipotensivo oltre a contenere vitamina C.

aglio vineale

Se ti interessa leggere di un altro aglio selvatico dal gusto delicato che si raccoglie nei boschi da aprile in poi leggi qui e scopri l’aglio orisno (articolo del 28 luglio 2017).

Bibliografia

Wild flower of Britain  Reader’s digest 1981

Tutti i diritti sono riservati

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo indicativo, con indicazione della bibliografia e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *