Il carciofo, un fiore, le cui foglie si usano in tisane disintossicanti

Tutti i diritti riservati

Il carciofo, un ortaggio o per meglio dire un fiore edibile

Non so a chi di voi è mai capitato di osservare un fiore di carciofo.
Vi assicuro che ne vale veramente la pena. Se lo si guarda con attenzione, per bellezza, può gareggiare con certi anemoni di mare, dai tentacoli lucidi e carnosi. I suoi petali infatti, come tentacoli lucidi, risplendono nel sole estivo raccogliendosi in una sfera viola che invita all’esplorazione ogni tipo di insetto che se ne avventura all’interno.

Il nome botanico del carciofo è cynara scolymus, ma la sua etimologia è incerta e varia perché allude sia a piante spinose, sia alla cenere che serve proprio come concimante per il carciofo.
Il carciofo che tutti pensiamo solo ortaggio in realtà è un fiore da coltiviare nei nostri begli orti, ma sono ottime anche le foglie esterne della pianta che ci consentono di preparare delle preziose tisane disintossicanti.

il fiore del carciofo ed ape in volo

Descrizione

Il carciofo è un parente del cardo ed è una pianta erbacea perenne della famiglia delle compositae, asteraceae.
Esso produce un fusto eretto carnoso e sodo che cresce da una rosetta di foglie.
Le foglie sono dentate  e più volte divise, di color verde cenere, pelose nella parte inferiore.
I capolini sono spinosi con brattee carnose. Prima che i fiori si aprano, si mangiano come verdura le brattee interne, mentre il bocciolo del fiore è di un bel colore viola.
I fiori del carciofo fioriscono in giugno-luglio.
La pianta può raggiungere i due metri di altezza.
Il nome del carciofo n inglese è artichoke.

dentro un fiore di carciofo

Moltiplicazione e coltivazione

Il carciofo si moltiplica per polloni o carducci, oppure tramite pezzi di fusto gemmati o per seme.
La scarducciatura avviene così:
I carciofi si scarducciano e poi si piantano da settembre a novembre, per avere i carciofi primaverili, oppure si piantano da marzo ad aprile, per avere i carciofi in autunno.
Per eseguire la scarducciatura si prelevano i carducci o polloni che si formano attorno alla pianta madre, avendo cura di estrarre le nuove piante con le radici intatte, poi si taglieranno le coste attorno la pianta, lasciando solo il germoglio centrale, il più radicato possibile, per piantato nella terra. A quel punto inizierà la vita per la una nuova pianta.
La posizione preferita del carciofo è a sud ovest del campo.
I carciofi si consociano bene vicino agli alberi da frutto ed agli olivi.
La semina, come tutte le piante da fiore, avviene in luna crescente.
Il carciofo si adatta bene a qualsiasi terreno purché soleggiato, ma teme i grandi freddi, per cui è bene proteggerlo si si abita in zone al nord.

le mie piante di carciofo le concimo con la cenere

Discendenza

Il carciofo è discendente da una pianta spontanea appartenente alla stessa famiglia dei cardi selvatici, ottenuta attraverso processi di selezione e colture speciali.
L’etimologia dall’arabo “har-sufa” conferma la discendenza da un cardo spinoso introdotto in Occidente dagli arabi antorno ai primi del 1300.

 

carciofi in fiore

Proprietà, usi erboristici e la tisana di foglie

Il carciofo è una ottima pianta depurativa e disintossicante. Le sostanze amare presenti nelle foglie, nel fusto e nelle radici sono ottime per stimolare le funzioni epatiche e tenere a bada il colesterolo alto ed un ottimo aiuto per chi ha problemi di obesità.
Le foglie, per farne tisane
si raccolgono da marzo a maggio, mentre la radice in estate.
Esse si seccano all’ombra, il rizoma invece si secca al sole tagliato a fette.
Le foglie sono diuretiche, depurano il fegato e favoriscono l’eliminazione delle tossine e si possono usare sia secche che fresche, tritandole ed infondendole con l’acqua calda. Le foglie di cui parliamo, da usare in tisana, sono quelle che compongono il cespuglio della pianta, non quelle che proteggono l’infiorescenza.
Per riassumere le proprietà del carciofo possiamo dire che è:
depurativo, aperitivo, ipoglicemico, tonico, diuretico, digestivo ed ipocolesterolizzante, per cui, in primavera, approfittatene per depurarvi e fatevi delle belle tisane da bere al mattino a digiuno.

il carciofo, un fiore

Contenuti

Il carciofo contiene principi amari, cinarina, inulina, acido clorogenico e caffeico, sali di potassio, magnesio, mucillaggini, pectina, tannini ed enzimi. E’ ricco anche di sodio e sali di ferro, calcio, inulina, vitamina B e C.
E’ consigliabile consumarlo curdo per ottenere i maggiori benefici, perché i principi si inattivano con la cottura.

un bel paniere di fiori di carciofo e verdure

Usi cosmetici e non solo

L’infuso di carciofo si può anche usare in impacchi per pelle stanca e devitalizzata.
Con i gambi teneri dei carciofi (parte interna) si può preparare una maschera viso tonificante, frullandoli con succo di limone.

Un fiore a regalare abbinato a …

Se invece volete stupire con dei fiori, raccogliete proprio i fiori di carciofo e regalateli abbinandoli a fiori di celosia cristata (celosia cresta di Gallo o amaranto piumoso). Farete un figurone perchè il mazzo avrà quel tocco insolito, vellutato, lucido, di grande effetto!

 

intimità, fiore di carciofo e bombo

Curiosità culinarie

Come detto in cucina del carciofo si consumano i capolini fiorali raccolti ancora in boccio e la parte interna dei gambi teneri, meglio a crudo per mantenere tutte le proprietà.
Il carciofo però è anche una pianta cagliante perché le sue foglie contengono enzimi che, in alte diluizioni, favoriscono questo processo, per cui proviamo a fare i formaggi con cagliatura vegetale a base di carciofo.

In cucina adoro sperimentare e mi piacciono sia i gambi dei carciofi (il cuore del gambo che è la parte più morbida e dolce) che mangio crudi conditi con olio e succo di bergamotto oppure le giovani foglie della pianta che sono ottime fritte a mo’ di chips. Il gusto amarognolo delle stesse e la croccantezza si abbinano bene con uova al padellino e sale con petali di rose.

Del carciofo non si spreca nulla…

chips di foglie di carciofo con uova al padellino e sale alle rose

Ricetta delle chips di foglie di carciofo, per due persone

Raccogliere le punte di n. 8 foglie di carciofo, le più tenere della pianta, lavarle, asciugarle e farle friggere in olio di arachidi fino a quando le si vedranno diventare croccanti. Il sapore amarognolo si esalta con le uova al padellino spolverate di sale alle rose.

Anche i petali viola del fiore sono edibili e sono ottimi taglizzati come decorazione alle vellutate.

 

fiore di carciofo

Bibliografia:

  • Curatevi con le erbe, De Vecchi editore, 1967
  • Il grande libro delle erbe, salute, bellezza, cucina, Editoriale del Drago, 1985
  • Curarsi con le piante medicinali, Edagricole, 1997
  • Enciclopedia delle erbe riconoscimento ed uso medicinale, alimentare aromatico e cosmetico, Edizioni del Baldo, 2012
fiori di carciofo

Tutti i diritti sono riservati

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo indicativo, con indicazione della bibliografia e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *