Crocus turnefortii, fiori delle Piccole Cicladi

Tutti i diritti riservati 

Crocus turnefortii, filamenti rosso arancioni tra i petali

Mi colpisce il crocus turnefortii per i filamenti arancioni rossastri che sporgono dal perinazio. Sembrano il disegno stilizzato di un corallo rosso aranciato che fluttua tra i petali (tepali) del fiore. Questo per effetto della brezza di vento a metà novembre, nelle isole Piccole Cicladi.

Che bellezza la natura greca!

Sempre stupisce nelle sue forme e colori. E questi sono solo alcuni dei fiori delle piccole Cicladi! 

Crocus turnefortii

Descrizione ed habitat

Il crocus turnefortii è endemico delle isole Cicladi e del sud est dell’Egeo.Cresce dalla zona costiera ad una altitudine fino a 650 metri. Si può vedere nelle isole di Rodi, karpatos, Astypalea, Iraklia, Milos, Syros, Tinos, Folegandros. 

Nell’isola di Iraklia fiorisce in novembre e perdura fino ai primi giorni di dicembre, ove, per un certo periodo, si accompagnerà al crocus laevigatus e c. cancellatus.

Mi colpisce questo fiore che rimane aperto anche in condizioni di poco sole con luce opaca. 

Crocus turnefortii isola di Heraklia 

 

Descrizione

Crocus turneforti è un fiore abbastanza grande e con tanta grazia considerata sua piccola statura (8-10 cm.).  Appartiene alla famiglia delle iridacee. Bisogna abbassarsi a terra per osservarlo bene da vicino, anche se sa attrarre l’osservatore fin da lontano.
Mi piace il colore dei suoi tepali da lilla, viola, rosati, ma anche bianchi che racchiudono un cuore giallo che accoglie tre  antere bianche al centro delle quali dipartono filamenti arancioni rossastro.
I tepali del croco sono sei, con i margini arrotondati nella parte apicale, mentre la forma del fiore è di un piccolo calice. I tepali presentano striature verticali sugli stessi. Il fiore è profumato. 

Crocus turnefortii

Quando lo avviso vedo anche le sue foglie lineari, sottili di un verde acceso.
I fiori più coreografici sono quelli che si sviluppano in gruppo da uno o due bulbi vicini. 
Camminando tra le pietraie, quando se ne incontrano gruppetti, sembra di percorrere la strada di una fiaba che conduce ad una radura incantata dove se ne vedranno ancora altri.

Crocus turnefortii

È difficile spiegare a parole la sensazione di tanta meraviglia che punteggia di colore il grigio delle pietraie.

Si possono ammirare crochi vicino a piccole e grosse pietre, nelle crepe delle rocce, come anche in piccoli spazi di terra o sotto i cespugli della macchia. Si possono vedere  fiori bianchi e fiori violetti crescere a pochi centimetri l’uno dall’altro in perfetta armonia cromatica.

Crocus turnefortii bianco

Bibliografia

Flowers of Greece and the Aegean, Anthony Huxley & Taylor, The Hogarth Press, 1989

Crocus turnefortii isola di Heraklia

Tutti i diritti sono riservati

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo indicativo, con indicazione della bibliografia e non costituiscono alcun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica. naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *