Biscotti con artemisia vulgaris

(Tutti i diritti riservati)

Biscotti all’artemisia vulgaris

Pensando al libro Alice nel paese delle meraviglie e vista la mia passione per la natura selvatica mi è venuto in mente di realizzare questi biscotti all’artemisia vulgaris. Sto aspettando la primavera e nel prato, in posizione fresca e riparata, sono cresciute giovani piantine di artemisia. Il profumo, cogliendo i teneri steli, si percepisce aromatico e forte, tant’è che mi fa pensare a che alimenti associarla per creare i miei biscotti.

biscotti con artemisia

Ricetta dei biscotti di farro con artemisia vulgaris

Ingredienti per 16 biscotti da 7-8 cm. di diametro
270 grammi di farina di farro biologica vivi verde coop, 4 cucchiai di miele di tiglio, 1 uovo medio grande, 75 ml. di olio di semi di girasole, 1 pizzico di vaniglia in polvere, 1 cucchiaino abbondante e colmo di lievito per dolci, la scorza grattugiata di ¼ di bergamotto (oppure limone), 2 grammi di foglie tenere di artemisia vulgaris.

Preparazione dei biscoti con artemisia vulgaris

In una grande ciotola mettere la farina a fontana ed in centro versare il miele reso liquido (bastano trenta secondi nel microonde). Girare con la forchetta, unire anche l’uovo e l’olio, sempre amalgamando e poi unire la scorza di limone o bergamotto grattugiata molto fine, la vaniglia e le foglie di artemisia vulgaris, tagliate grossolanamente con la mezzaluna. Continuare ad impastare a mano e creare una palla da stendere con il mattarello in un foglio di mezzo centimetro di spessore. Quindi ritagliare dei biscotti tondi con una forma taglia biscotti e disporre sulla leccarda del forno rivestita da carta forno. Fare cuocere in forno caldo statico a 180 gradi per circa 15 minuti in base al forno. Sfornare a doratura e fare raffreddare su una gratella.

L’artemisia vulgaris può causare allergie in taluni soggetti, per cui valutare prima di realizzare la ricetta.

giovani piante di artemisia vulgaris

Raccolta dell’artemisia vulgaris

Dell’artemisia si usano le foglie più giovani e fresche tritate per insaporire ad esempio formaggi, insalate e carni.
Il gusto è amarognolo, balsamico e profumato.
In fase iniziale la pianta può essere confusa con altre piante come le ombrellifere, alcune tossiche, per cui prestare attenzione.
Per approfondimenti sulla pianta leggere il mio articolo sull’artemisia vulgaris.

artemisia vulgaris

Un libro di ricette con fiori, erbe selvatiche ed aromatiche

Se ti piace la cucina con i fiori e le erbe selvatiche acquista il mio libro ed ebook intitolato: MangiAmo i fiori e sperimenta le mie ricette. Trovererai anche le schede delle piante, le ricerche scientifiche sui poteri antiossidanti delle erbe selvatiche e dei fiori e tante altre curiosità. (Le ricette si possono eseguire anche senza fiori ed erbe utilizzando le verdure ed i frutti dell’orto).
Si può acquistare il libro sul sito www.youcanprint.it o su altri store on line come amazon, lafeltrinelli e mondadori etc..

Tutti i diritti sono riservati
(per l’uso delle immagini è necessario chiedere il consenso all’autore del sito)

Indicazioni e proprietà erboristiche delle piante e dei fiori sono riportate a titolo informativo, con indicazione della bibliografia. Declino pertanto ogni responsabilità sul loro uso a scopo curativo, alimentare, estetico. Naturainmentecalliopea.it non garantisce sulla validità dei contenuti riportati in questo sito. La verifica individuale indipendente è sempre raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *